Bandeau

Diridindin, L'Arpeggiata & Lucilla Galeazzi

Voglio una casa, la voglio bella
 
Piena de luce come una stella
 
Piena di sole e di fortuna
 
E sopra il tetto spunti la luna
 
Piena di riso, piena di pianto
 
Casa ti sogno, ti sogno tanto
 
 
 
Voglio una casa, per tanta gente
 
La voglio solida ed accogliente,
 
Robusta e calda, semplice e vera
 
Per farci musica mattina e sera
 
E la poesia abbia il suo letto
 
Voglio abitare sotto sotto a quel tetto.
 
 
 
Voglio una casa, che sia abitata
 
E più nessuno dorma per strada
 
Come un cane a mendicare
 
Perchè non ha più dove andare
 
Come una bestia trattato a sputi
 
E mai nessuno, nessuno lo aiuti.
 
 
 
Voglio una casa per i ragazzi,
 
che non sanno mai dove incontrarsi
 
e per i vecchi, case capienti
 
che possano vivere con i parenti
 
case non care, per le famiglie
 
e che ci nascano figli e figlie.